Feste

Carnevale di Limatola

dal –/02/2014 al –/02/2014

Il Festival di musica medioevale, rinascimentale e barocca organizzato, ogni anno, dal 1994. Il Carnevale di Limatola è una manifestazione molto popolare, l’unica che in questo piccolo centro sannita riesce a coinvolgere centinaia di persone nella sua preparazione, richiamando migliaia di visitatori da tutta la Campania. Durante la festa, oggi come alle sue origini, vengono infranti i limiti del quotidiano, si invertono i ruoli, sono leciti offese e scherzi e anche il sacro scende in piazza diventando elemento di critica e di derisione. L’ordine viene infranto e il disordine viene accettato in quanto momento necessario al rinsaldamento dei valori sociali nonchè dei rapporti di dipendenza e di potere. L’atmosfera carnevalesca rafforza la coesione sociale, si perde il rapporto con la coesione sociale, si perde il rapporto con la propria fisicità, con l’individualità, diventando parte integrante del tutt’uno che è il popolo. Il vivere le stesse emozioni, le stesse sensazioni, l’essere e il sentirsi parte si una medesima realtà sono esigenze sempre attuali soprattutto in questi momenti di forte crisi socio-economica. Non è un caso che la manifestazione stia riscuotendo un successo di pubblico, forse mai registrato, proprio nelle ultime edizioni, volute fortemente dalla Pro Loco di Limatola, che dal 2007 sta dando continuità a questa tradizione.

Le Origini

Il Carnevale di Limatola ha origini documentate risalenti agli anni Trenta del secolo scorso. Negli anni Settanta alle rappresentazioni teatrali e ai balli tipici accompagnati dalla musica dell’organetto, si uniscono le sfilate dei carri allegorici e il carro gastronomico. Nel corso di un paio di decenni, grazie alla passione e al lavoro di un comitato prima e della Pro Loco dopo, a partire dagli anni Ottanta, la manifestazione è cresciuta. Dalla metà degli anni Novanta si assiste ad un periodo di discontinuità, nel 2007 come dicevamo, la Pro Loco ha ridato nuova linfa al Carnevale, arricchendo nel rispetto della tradizione, grazie al contributo di centinaia di volontari.La manifestazione si tiene per tre giornate e precisamente nelle due domeniche precedenti il martedì grasso, che è il giorno in cui si chiude. Il Carnevale si divide in quattro momenti: le sfilate di carri allegorici per le strade del paese, gli spettacoli in piazza, la lamentazione funebre con il funerale cui fa seguito la cremazione di Carnevale morto che si tiene l’ultimo giorno.Sicuramente gli spettacoli caratterizzano i festeggiamenti perché preparati appositamente per l’occasione dai limatolesi, al fine di far divertire e ballare la piazza piena di maschere: majorettes, coro, gruppo folk, sbandieratori, i gruppi teatrali impegnati nella lamentazione funebre, nel funerale e nelle rappresentazioni classiche come la Zeza, la Brunetta, i dodici figli, i dodici mesi e ultimi arrivati, ma da subito, grandi protagonisti, i suonatori di botti, tini e falci. Alcuni di questi gruppi, negli ultimi anni, sono diventati stabili e sono stati ospiti di importanti manifestazioni. È il caso degli sbandieratori che si sono esibiti per la prima volta in piazza a Limatola nel 2009 e del gruppo dei suonatori di botti, “A’ battaglia nova” che ha esordito durante la XX edizione, nel 2010.

Il carro principe è quello gastronomico che sfilando per le strade del paese, distribuisce gratuitamente mortadella, pane cotto a legna, sarde, vino bianco e rosso delle colline caiatine e del Sannio beneventano.

Per maggiori informazioni:
cell. 3332572199 Tel. 0823481974
https://facebook.com/pages/Pro-Loco-Limatola/297982390385903

Dai un punteggio all'articolo
[Totale: 0 Media: 0]

commenti

Segui su Facebook